Home BuddismoLa parabola del gioiello fra i capelli stampa
logosgi
IL GIOIELLO INESTIMABILE CUSTODITO FRA I CAPELLI
La parabola narra di come mettere da parte le proprie preoccupazioni per aiutare chi soffre sia la chiave per conseguire uno stato vitale libero da ansie e preoccupazioni. È questo atteggiamento a consentire di sviluppare una condizione vitale più ampia. (Capitolo XIV, pg. 270)

Questa parabola è contenuta nel quattordicesimo capitolo "Pratiche pacifiche" del Sutra del Loto. Pacifico tende a evocare l'idea di uno stato vitale rilassato, come quello di chi è sdraiato sulla spiaggia sotto una palma. Può sembrare una condizione ideale, ma questa tranquillità può improvvisamente svanire, così come una nuvola temporalesca può rovinare con la pioggia un giorno in spiaggia. Il Buddismo di Nichiren invece pone in relazione uno stato vitale "pacifico" con uno spirito saldo, che non si fa intimorire da problemi e difficoltà, uno stato di sicurezza interiore e di calma indipendente dalle circostanze esterne.
Daisaku Ikeda spiega così il significato del titolo "Pratiche pacifiche": «La parola "pacifico" (giapp. anraku) del titolo del capitolo è composta da due ideogrammi. Come dice il Gran Maestro T'ien-t'ai, il primo (an) significa "inamovibile", "stabile", "sicuro", e il secondo (raku) significa "senza preoccupazioni".
Una vita "pacifica" non significa una vita libera da fatiche o sofferenze: significa vivere senza farsi sviare e liberi dalle preoccupazioni, qualsiasi cosa accada. Questa è la vera pace e felicità».
Nel capitolo "Pratiche pacifiche" dopo aver descritto l'importanza di formulare un voto, ovvero la promessa di adoperarsi per la felicità degli altri, il Budda Shakyamuni narra la parabola del gioiello nella crocchia di capelli in cima alla testa per illustrare quanto sia grande e raro il Sutra del Loto.
La parabola narra di un re saggio che gira la ruota che ricompensa i soldati che si sono distinti in battaglia offrendo loro doni preziosi: elefanti, cavalli, carri, vesti, case e persino villaggi. Ma egli porta un gioiello splendente custodito nei capelli ed è disposto a donarlo solo a chi si è veramente distinto.
Il Budda è paragonato al re saggio e i soldati meritevoli ai suoi discepoli che combattono contro l'oscurità della vita. I tesori ordinari che il re distribuisce rappresentano gli insegnamenti provvisori, che sono relativamente facili da comprendere, ma non rivelano interamente il grande potere e la dignità inerente alla vita umana.
Il gioiello nella crocchia invece rappresenta il Sutra del Loto "difficile da credere", un insegnamento rivoluzionario che permette a tutte le persone di vivere davvero esistenze pacifiche in cui impiegare appieno tutte le proprie potenzialità.
Il Sutra del Loto insegna che formulare il voto di aiutare gli altri a diventare felici è la chiave per conseguire uno stato vitale pacifico e libero da ansie e preoccupazioni.
Si potrebbe pensare che abbia senso aiutare gli altri solo dopo aver risolto i propri problemi, ma, come sottolinea Daisaku Ikeda, è proprio mettendo da parte le nostre preoccupazioni per aiutare coloro che soffrono che si può sviluppare uno stato vitale potente e vasto. E sviluppando questa condizione vitale più ampia riusciamo anche a superare le nostre stesse difficoltà. Nichiren afferma: «Se si accende un fuoco per gli altri, si illuminerà anche la propria strada» (RSND, 2, 996).
Quando siamo accecati dalla paura e incapaci di vedere uno scopo più grande nella nostra vita, possiamo perdere facilmente la strada e cadere in una sofferenza ancor più intensa. Tuttavia il Buddismo di Nichiren ci insegna che possiamo sempre trovare la strada verso la felicità, affrontando direttamente e con coraggio i nostri problemi e nel contempo aiutando gli altri a fare lo stesso.
Come afferma ancora Ikeda: «Non si tratta di condurre esistenze deboli e timide, cercando di evitare gli ostacoli e le difficoltà. Piuttosto dovremmo pensare: "Qualsiasi cosa accada, io sopravviverò! Io scalerò un'altra montagna! E più mi arrampico più posso godere della mia vita e più persone posso aiutare a diventare felici"». Il Buddismo di Nichiren e il Sutra del Loto mirano a insegnare a tutte le persone l'arte di rivoluzionare la propria condizione interiore in questo senso.

da Il Nuovo Rinascimento n.558 15 maggio 2015
© Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai 2018 . Tutti i diritti riservati