Home Informazioni per la stampaLe notizie stampa
logosgi


Protagonisti del cambiamento ambientale

Una nuova proposta di Daisaku Ikeda per una società globale sostenibile

07/06/2012: In attesa della conferenza Rio+20 delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile – che si aprirà il 20 giugno a Rio de Janeiro, in Brasile, a 20 anni dal Vertice della Terra di Rio de Janeiro del 1992 – il 5 giugno è stata pubblicata una nuova proposta per l’ambiente del presidente della SGI Daisaku Ikeda dal titolo Per una società globale sostenibile: ognuno di noi è protagonista del cambiamento, che sottolinea come l’empowerment degli individui e delle comunità sia vitale per la realizzazione di una società globale sostenibile. È stato anche realizzato un film di dieci minuti dal titolo Coltivare semi di speranza in Amazzonia: l’educazione ambientale in azione, che sottolinea l’importanza dell’educazione come mezzo di empowerment. Il film illustra le attività dell’Amazon Ecological Conservation Center di Manaus in Brasile, fondato da Ikeda nel 1992, mostrando riprese di gite scolastiche nelle quali i bambini si confrontano direttamente con la realtà del Rio delle Amazzoni e la sua ecologia, alcune attività dell’Agenda 21 con le comunità locali a Manaus e il lavoro condotto con la comunità locale indigena Kambeba. Nella proposta Ikeda afferma: «La sostenibilità deve essere intesa come una sfida e un’impresa che richiede l’impegno di tutti […] nella costruzione di una società che assegna la massima priorità alla dignità della vita». Il presidente Ikeda è stato un convinto sostenitore dell’istituzione del Decennio delle nazioni Unite per l’educazione per lo sviluppo sostenibile (DESD) che terminerà nel 2014, e adesso auspica che si prosegua con un programma educativo per una società globale sostenibile a partire dal 2015. Ikeda propone anche un’innovativa riforma delle agenzie delle Nazioni Unite responsabili dello sviluppo e la protezione ambientale. La sua idea è di consolidare il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) e il Programma Ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) e le agenzie collegate per creare un’«organizzazione globale integrata per lo sviluppo sostenibile». Propone inoltre una collaborazione più significativa con la società civile e l’istituzione di un «comitato delle generazioni future», un forum attraverso il quale rappresentanti delle giovani generazioni possano dare consigli sui progetti e le politiche annuali della nuova organizzazione. Ikeda individua anche la necessità di un ventaglio di obiettivi per uno sviluppo sostenibile, con l’accento sulle comunità locali in quanto luogo di educazione e azione di lungo periodo. Alla conferenza Rio+20 si terrà una tavola rotonda interdisciplinare sul ruolo dell’educazione e dell’apprendimento per un futuro sostenibile. L’evento, sponsorizzato anche dalla SGI, riunirà specialisti di educazione alla sostenibilità, alla pace, al disarmo e ai diritti umani. Dal 16 giugno al 15 luglio sarà inoltre esposta al Planetario di Rio de Janeiro, in lingua inglese e portoghese, la mostra Semi di speranza: immagini di sostenibilità, passi verso il cambiamento organizzata dalla SGI in collaborazione con l’Earth Charter International e la municipalità di Rio de Janeiro. Testo integrale della proposta (di prossima pubblicazione su Buddismo e Società): http://www.sgi.org/sgi-president/proposals/environment-2012.html Video (inglese): http://www.sgi.org/resource-center/video-and-audio/educational-tools/nurturing-seeds-of-hope.html

Protagonisti del cambiamento ambientale - Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai
© Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai 2017 . Tutti i diritti riservati