Home Informazioni per la stampaLe notizie stampa
logosgi


Dal quotidiano Seikyo Shimbun del 7 luglio

70 anni fa Makiguchi e Toda venivano incarcerati

Seikyo lug 2013

06/07/2013: Quest’anno, in occasione del 70° anniversario dell’arresto dei presidenti Makiguchi e Toda, Daisaku Ikeda dedica una preghiera in loro memoria, e per la salute, la felicità e la completa realizzazione di tutti i membri della Soka Gakkai. LINK al giornale: http://www.seikyoonline.jp/news/top/1208408_2118.html Tsunesaburo Makiguchi, filosofo, geografo e pedagogista, all’età di quarantadue anni diventa direttore di scuola elementare guidando per due decenni numerosi istituti e portandoli tutti a un livello di eccellenza. Dalle riflessioni che quotidianamente registrava nel diario personale, nasce una delle sue opere più importanti: L’Educazione creativa . Nel 1928, mentre finisce la stesura di questo volume, inizia a studiare il Sutra del Loto e, in particolare, si avvicina all’interpretazione che Nichiren Daishonin – fondatore della tradizione buddista che da lui prende il nome – aveva offerto di questa fondamentale scrittura religiosa. Makiguchi. che aveva già formulato da tempo la sua “teoria del valore”, trova nell'insegnamento del Daishonin la perfetta conclusione delle sue riflessioni filosofiche e, nello stesso anno, si converte al Buddismo di Nichiren Daishonin con Josei Toda, il giovane insegnante che nove anni prima lo aveva scelto come maestro. Nel 1930 maestro e discepolo, fondano la Soka Kyoiku Gakkai , (Società educativa per la creazione di valore) che si svilupperà notevolmente in poco tempo, trasformandosi poi nell'associazione laica buddista Soka Gakkai. Nel 1941, con l'attacco a Pearl Harbour, il Giappone scatena la Guerra del Pacifico e il governo nipponico, per costringere la popolazione a sostenere anche spiritualmente lo sforzo bellico, decreta nuove leggi per limitare la libertà di religione, di pensiero e di espressione imponendo a tutte le istituzioni e associazioni religiose di accettare il kamifuda: il talismano scintoista simbolo dell'unità nazionale. La Nichiren Shoshu – la setta monastica ortodossa derivata da Nichiren Daishonin – accetta di accogliere il kamifuda scintoista, ma la Soka Gakkai si rifiuta nettamente. Per questo motivo la famigerata “Polizia del pensiero” inizia a sorvegliare Makiguchi, a seguirlo in ogni suo spostamento e a controllare i luoghi delle riunioni. Finché, il 6 luglio 1943, l'anziano pedagogista viene tratto in arresto. Qualche giorno dopo anche Josei Toda segue la stessa sorte. Makiguchi, stremato dagli stenti della durissima prigionia, muore in carcere il 18 novembre 1943. Toda invece, il 3 luglio del 1945, viene liberato e, dal quel momento, dedica se stesso a ricostruire la Soka Gakkai realizzando il grande desiderio del suo maestro.

Dal quotidiano <i> Seikyo Shimbun </i> del 7 luglio - Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai
© Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai 2017 . Tutti i diritti riservati