Home Informazioni per la stampaLe notizie stampa
logosgi


Le donne africane meritano un Nobel

Due milioni di firme per presentare alla commissione di Oslo la loro candidatura al Nobel per la pace 2011

06/08/2011: Il premio Nobel per la pace è nell’immaginario comune un riconoscimento di grande valore legato a singole personalità o associazioni che si sono impegnate inequivocabilmente per la pace dandone prova concreta. E se la dedica fosse rivolta a una comunità anziché a un unico individuo? È quello che è stato proposto da “Cipsi” assieme a “ChiAma l’Africa”, due associazioni di coordinamento di Ong che hanno lanciato l’appello per la candidatura delle donne africane al Nobel per la Pace 2011. Leggere le motivazioni di questa scelta è semplicemente sorprendente. L’Africa dei mass media sembra dimenticare il contributo quotidiano, strenuo ed efficace delle operose donne africane. Sono loro infatti ad assicurare la sopravvivenza della famiglia, a essere madri premurose, mogli, lavoratrici infaticabili e a ritrovarsi spesso impegnate politicamente e socialmente nella battaglia sui diritti individuali. La marginalizzazione dovuta a un endemico maschilismo è infatti l’ostacolo maggiore al contributo che le donne possono apportare a uno sviluppo pacifico del continente nero. In questo senso il Nobel renderebbe manifesto agli occhi del mondo il protagonismo delle donne africane e contribuirebbe a privilegiare nei rapporti di cooperazione proprio le donne e le loro organizzazioni. Un dossier di candidatura, che raccoglie testimonianze e storie di donne africane e mette in evidenza il loro ruolo da protagoniste in tanti ambiti della società, è stato già spedito alla Commissione di Oslo. Per presentare una candidatura sono abilitati i membri dei parlamenti nazionali, i precedenti vincitori del Nobel e i personaggi di spicco del mondo della cultura e della politica, oltre ovviamente ai membri del Comitato dei Nobel. È stata dunque attivata la campagna NoPPAW (Nobel Peace Prize for African Women) che sta avendo grande adesione sia dal mondo delle istituzioni italiane che dai cittadini. Ora serve raggiungere due milioni di firme per l’appello e far conoscere in tutto il mondo questa iniziativa per avere il sostegno di personalità che hanno un ruolo internazionale riconosciuto. Per dirlo con lo slogan della candidatura: “Walking Africa deserves a Nobel”, l’Africa in cammino merita un Nobel.

Le donne africane meritano un Nobel - Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai
© Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai 2017 . Tutti i diritti riservati